Vetrate Artistiche legate a piombo

FIRENZE SANTA CROCE

Rosone, vetrata artistica, in Vetro soffiato e piombo realizzato dall’artista Albano Poli

Oggi impariamo come realizzare una Vetrata Artistica legata a Piombo. Prima cosa da fare: andare all’atelier Artistico Progetto Arte Poli :). Se non potete venirci a trovare e avete la possibilità di recuperare tutto l’occorrente allora seguite la lista:

  • Un plotter
  • Fogli di cartone
  • Carta carbone
  • Forbici da Vetratista
  • Vetro soffiato a Bocca (Altissima qualità)
  • Tagliavetro con punta diamantata
  • Polvere per grisaglia
  • Olio di vaselina
  • Acqua
  • Trafilati di piombo
  • Chiodi da maniscalco
  • spessori in plastica
  • Olio di lino cotto
  • Gesso
  • Nerofumo
  • filo di rame
  • Stagno per saldatura
  • Acido per saldatura
  • Solvente per la pulitura finale (a base di alcool isopropilico possibilmente)

Fase 1: Il disegno. Se siete degli artisti siete già a cavallo, mentre se non lo siete potete affidarvi a qualcuno che ha una manualità migliore di voi, ma questo potrebbe non bastare: per realizzare un disegno adatto dovete avere ben chiari quali sarannno le forme delle tessere che costituiranno la vetrata. Una volta fatto il disegno se non è già 1:1 dovrete scansionarlo, ingrandirlo e stamparlo 1:1 (può essere utile l’utilizzo di un plotter)

Fase 2: Le dime. Una volta realizzato il disegno 1:1 viene riportato su cartone con la carta carbone. Il nuovo disegno sarà però pulito e mostrerà le sole linee di legatura. Lungo queste linee tagliamo con la forbice speciale da vetratista che rimuove automaticamente lo spessore necessario all’inserimento del trafilato di piombo. Le sagome così ottenute serviranno da guida per il taglio del vetro.

Fase 3: Taglio. Cercate tra le moltissime tipologie e varietà di colori a vostra disposizione* la lastra di vetro soffiato adatta alla tessera che state per tagliare. Una volta individuata e posizionata la sagoma tagliate il vetro cercando di sprecarne il meno possibile.

*ovviamente questo sarà possibile solo se realizzarete la vetrata presso un’atelier come quello di Progetto Arte Poli che ha una collezione vastissima di lastre di vetro soffiato che utilizza quotidianamente per le sue vetrate artistiche.

Fase 4: Grisaglia: Se la tessera di vetro deve essere dipinta, stemperiamo la polvere della grisaglia (costituita da sostanze vetrificanti a sostituzione della polvere di vetro al piombo utilizzata in origine) nell’olio di vaselina diluendo con acqua fino ad ottenere la densità desiderata. Si utilizza questa tempera come normale pittura dipingendo sul vetro il disegno desiderato (le tecniche di pittura sono svariate ma le vedremo in un altro momento). Completata asciugata la pittura ogni tessera viene posta nel forno a muffola dove una cottura di circa 700 gradi fissa irreversibilmente la decorazione alla superficie.

Fase 5: Una volta tagliate e dipinte tutte le tesse si passa alla fase di legatura: la legatura a piombo inizia da un lato dove si posiziona il primo trafilato perimetrale (h) su questo si posizionano le prime tessere di vetro, si tengono in posizione con i pezzettini di plastica e i chiodi da maniscalco sul piano di lavoro e si procede al posizionamento del trafilato ad H, poi di nuovi le tessere e così via per comporre il disegno. Una volta composta la vetrata, posizionato l’utimo trafilato perimetrale, si saldano tra loro tutti i piombi con la lega di stagno (e ovviamente l’acido di saldatura che dovrà essere completamente rimosso mediante pulizia per evitare ossidazioni).

Fase 6: Completata la legatura si passa a quella che in gergo chiamiamo “pastinatura” cioè la stuccatura tra vetro e piombo. L’olio di lino cotto viene mescolato con gesso e nerofumo fino a creare un impasto (la ricetta è quella tradizionale e le proporzioni sono riservate). Con l’ausilio di spazzole l’impasto viene inserito tra vetro e piombo per poi rimuovere gli eccessi frizionando la vetrata con segatura e pulendola in modo da liberare tutte le tessere.

Fase 7: Rametti: con il termine “rametti” in gergo chiamiamo i fili di rame che vengono saldati alla vetrata e serviranno per il sostegno di ogni pannello ai tondini metallici orizzontali a loro volta fissati al telaio.

Fase 8: Eventuale controvetro: Dalla parte opposta ai rametti può essere collocato un controvetro esterno che fornisce ulteriore sostegno sigillandolo su tutto il perimetro per evitare infiltrazioni.

Ed ecco conclusa la nostra vetrata artistica. Negli articoli precedenti riguardanti le diverse tecniche abbiamo affrontato il discorso in termini meno tecnici, in futuro vedremo nel dettaglio anche le altre tecniche per capire appieno in cosa consiste la creazione di una vetrata artistiche e poterle dare sempre il giusto valore.

Se sei interessato a questo argomento o alla realizzazione di vetrate artistiche:

CONTATTA L’AUTORE

Per maggiori informazioni o immagini di vetrate artistiche contemporanee e classiche ma anche di altre bellissime opere d’arte visita il nostro sito: Progetto Arte Poli

oppure visita la pagina facebook Progetto Arte Poli Arte Sacra oppure Progetto Arte Poli Design per nuovi spunti artistici o essere sempre aggiornato riguardo il mondo della vetrata artistica.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...